skip to Main Content
0564 453846 info@dentalcomp.it Via Aurelia Nord, 219 - Grosseto GR 58100
Otturazione Del Dente Colpito Da Carie

Otturazione del dente colpito da carie

Significato e finalità delle otturazioni dentali

pre-trattamento di otturazione dentaria, dente con processo carioso

Tra le procedure odontoiatriche più comuni per la cura dei processi cariosi, sicuramente non si può non citare l’otturazione della carie.

Quando un dente di un paziente soffre di una carie che non è abbastanza profonda da interessare la polpa dentale, la terapia che dovrà effettuare il dentista è detta conservativa o più comunemente conosciuta come otturazione dentale.

Detto banalmente, durante l’otturazione dei denti il dentista rimuoverà tutta la parte cariata, andando successivamente a riempire il “buco” con del materiale appositamente scelto, che potrà variare a seconda di quanto è esteso il danno generato dal processo carioso e da eventuali allergie di cui soffre il paziente.

Otturazione dente e finalità estetica

Si parla sempre delle otturazioni dentali come di un trattamento utile a ripristinare la normale struttura del dente colpito dal processo carioso, ma va anche sottolineato come sia importante per molti pazienti anche la sua connotazione estetica.

Non per nulla in alcuni denti come gli incisivi anteriori, si punta ad ottenere delle otturazioni dentali che non lasciano nulla al caso e seguono quelle che sono le reali sfumature dello smalto, garantendo un risultato finale che lascia l’impressione di avere un dente difficilmente distinguibile dagli altri.

In realtà tutti i denti otturati hanno una finalità anche estetica, quindi non possiamo dire che vi sia una procedura più o meno differente in tal senso, tra le varie tipologie di otturazione della carie.

Tra le otturazioni dentali più utilizzate per conferire maggior esteticità, ricordiamo sicuramente l’intarsio dentale, solitamente realizzato in composito o anche in porcellana!

Materiale per otturazioni odontoiatriche

Otturazioni in amalgama

trattamento di otturazione dentaria in amalgama
Otturazione dente in amalgama

Anni fa si usavano le cosiddette otturazioni in amalgama o più comunemente si parlava di “piombatura del dente“.

L’uso delle otturazioni in amalgama è andato progressivamente in disuso, perché i pazienti non accettano la sua resa estetica (ha un colore grigio-nero).

Un altro aspetto sul quale si è dibattuto, sono i controversi studi sulla loro tossicità, oltre alle restrizioni legislative che ne hanno limitato il suo uso, e che con il tempo ha contribuito a far preferire ad esse le otturazioni dentali in composito.

Otturazioni in composito: quali vantaggi hanno

trattamento di otturazione dentaria in composito
Otturazione dente in composito

Oggigiorno vengono realizzate le cosiddette otturazioni in composito, con materiali chiamati, per l’appunto, resine composite.

Come materiale per otturazioni odontoiatriche, la resina composita si caratterizza per essere non tossica ma inerte, inoltre vi è una disponibilità di colori talmente ampia da poter replicare qualsiasi colorazione di un dente.

Le otturazioni in composito hanno anche altri vantaggi:

  • quando il dentista modella la resina per dare la forma, ha tutto il tempo che gli serve per realizzare il trattamento, in quanto il materiale non diventerà duro finche non verrà illuminato (più precisamente polimerizzato) da una lampada UV;
  • questo tipo di materiale per otturazioni odontoiatriche viene incollato sul dente tramite un adesivo e grazie a questo possono anche essere completate anche delle otturazioni dentali additive, ossia senza rimuovere alcuna carie, solo con lo scopo di modificare la forma di un dente.

Otturazioni in composito: eventuali svantaggi

Ovviamente esistono anche degli svantaggi relative alle otturazioni in composito e si notano per lo più sul lungo termine:

  • le otturazioni in resina composita tendono ad imporosirsi catturando pigmenti contenuti nei cibi, questo fa si che il colore dell’otturazione dentaria possa non essere lo stesso che si aveva nel momento in cui è stata realizzata dal dentista;
  • un altro svantaggio delle otturazioni dentali in composito è che, nella parte dove viene spennellato l’adesivo per incollare la resina, avviene un fenomeno di infiltrazione che può portare alla formazione di una carie al di sotto dell’otturazione del dente.

Si tratta in ogni caso di svantaggi molto relativi, perché facendo dei controlli regolari dal dentista (noi della Clinica Odontoiatrica DentalComp ricordiamo sempre ai nostri pazienti di prenotare un trattamento di igiene professionale ogni 6 mesi) si potranno notare i cambi di colore o le eventuali infiltrazioni; a quel punto il dentista suggerirà al paziente di rimuovere l’otturazione  dentaria per farne una nuova e più performante.

L’otturazione del dente fa male?

dolore otturazione dentaleLe otturazioni dentali un trattamento assolutamente routinario in uno studio dentistico, difatti gli appuntamenti hanno una durata abbastanza veloce.

Sono in molti a chiederci se l’otturazione di un dente fa male.

Noi rispondiamo sempre che il trattamento è indolore grazie soprattutto all’uso dell’ anestesia (come ad esempio la sedazione cosciente). Addirittura in alcuni casi, quando la carie è molto piccola, il suo uso risulta del tutto superfluo.

Il fatto che questo intervento sia molto semplice, senza comportare particolari dolori o fastidi, fa si che venga normalmente eseguito anche sui bambini con denti decidui o da latte, in modo da mantenere il dente in salute qualora vi comparisse una carie e permettendo al bambino/a di masticare senza dolori o sensibilità di alcun tipo e mantenere il dente vivo e in posizione fino alla comparsa del dente permanente.

Si può provare dolore dopo l’otturazione dentale?

E’ possibile che al termine dell’anestesia si avverta del fastidio, in ogni caso è assolutamente probabile che questo vada a scemare entro poche ore dal trattamento. Qualora si continuasse ad avvertire del fastidio a distanza di giorni è buona norma contattare il vostro odontoiatra di fiducia per monitorare insieme a lui la situazione.

Si raccomanda soprattutto di praticare una regolare igiene orale, utilizzando un dentifricio per denti sensibili, unendo anche un colluttorio specifico, su indicazione del dentista.

Alimentazione da seguire post otturazione del dente

Un’altra raccomandazione che vogliamo darvi riguarda il tipo di alimentazione da seguire nelle ore e giorni immediatamente successivi al trattamento di otturazione della carie.

Una volta terminato l’intervento, la problematica maggiore non è tanto l’otturazione in se e per se, quanto l’effetto dell’anestesia, che rischia di darvi una carenza di sensibilità e difficoltà nella masticazione.

Anche per questo vi consigliamo di attendere quelle poche ore che servono per far terminare l’effetto dell’anestesia ed in seguito non avrete limitazioni con l’alimentazione, potete già riprendere a mangiare e bere ciò che preferite!

Non ci saranno problematiche di alcun genere poichè il dente che è stato trattato è a tutti gli effetti paragonabile ad un dente sano!

Otturazioni dentali? Affidati allo Studio DentalComp!

Lo studio odontoiatrico DentalComp di Grosseto è dal 2013 all’avanguardia nella realizzazione di trattamenti di otturazione dentaria; col supporto dei nostri dentisti avrete un lavoro ben fatto e senza provare alcun fastidio!

Se necessiti di un’otturazione dentaria, lo Studio dentistico DentalComp è la soluzione professionale che stavi cercando!

Ci troviamo a Grosseto, in Via Aurelia Nord, 219. Contattaci allo 0564 453846, o compila il seguente form per richiederci informazioni.

[]
1 Step 1
Nome
Cognome
Telefono
call e0b0
Messaggio
0 /
keyboard_arrow_leftPrevious
Nextkeyboard_arrow_right
FormCraft - WordPress form builder
Dr. Davide De Rosa Palmini
Back To Top